Archivi tag: Warsaw Jewish Film Festival

Quinto giorno : i dilemmi della cucina kosher

Venerdi 7, nella piccola ma accogliente sede della comunità abrasiva di Varsavia, siamo stati introdotti nel labirinto della cucina kosher con il documentario ” The Kosher Dilemma” del regista olandese Jigal Grant,  che nel 2012 ha iniziato una scanzonata indagine su cosa esattamente comporti l’attenersi alle regole della cucina kosher, e quali tipi di dilemma ci si trovi ad affrontare quotidianamente.
Il documentario era diviso in una serie di capitoli, ognuno dedicato a uno specifico alimento base, arrivando a comprendere uova, carne di pollo, uva, pane , gefilte fisht -la carpa ripiena tipica della tradizione ebraica è che avrete sentito nominare in innumerevoli romanzi e film- e infine un ultimo, spassoso episodio sulla ricerca del “sapore del prosciutto”.
Il lavoro di Grant è particolarmente interessante perché offre spunti di riflessione che esulano dalla singola dinamica della cucina kosher e che dovrebbero riguardare anche i nostri costumi
alimentari:  ad esempio, le uova a guscio bianco sono da preferire perché è più raro che contengano grumi di sangue all’interno, rispetto alle uova a guscio marrone; tuttavia, le galline che producono le uova bianche sono preferibilmente allevate in batteria. Cosa diventa più importante allora:  rispettare il divieto della Torah verso il consumo di sangue, o il precetto che impone il rispetto verso gli animali? Lo stesso problema si pone quando si tratta della carne di pollo: la maggior parte del pollo kosher viene da allevamenti in batteria. Facciamo così la conoscenza del pollo Chaim,  selezionato da Grant in un allevamento organico per essere il primo ‘pollo kosher felice” e cambiare così il mercato della carne kosher.
Molto divertente è l’episodio in cui Grant esplora il mondo dei prodotti alimentari industriali al gusto di bacon,  alla ricerca di un cibo che arrivi il più vicino possile al sapore del prosciutto senza contenere maiale.

image

Jigal Grant e il pollo Chaim

Il programma del festival è poi proseguito con un pomeriggio interamente  dedicato ai cortometraggi: ne sono stati proiettati cinque, di cui tre- “The Shadow Forest”,  “Games” e “Hammocks” – erano legati al tema dell’olocausto,  e gli altri due, “The Visit” e “Longing” raccontano vicende legate alla vita quotidiana in Israele.
Del gruppo di film legati all’Olocausto rimane particolarmente impresso per il finale  ” Games ” : ambientato a Zagabria, dove Klara, dieci anni, cerca in tutti i modi di contravvenire gli ordini della madre che le proibisce di andare a giocare in strada con gli altri bambini.
Al contrario di quanto crede sua madre, Klara capisce molto bene quello che accade intorno a lei, ma chiaramente lo interpreta come può farlo una ragazzina della sua età, interiorizzando ilnfqtto che la causa di tutti i problemi sono gli ebrei.
La sua animosità nei confronti della madre severa, e, al contrario, l’attaccamento al padre, la spingono a formulare un piano d’azione: quando la famiglia deve separarsi, chiede candidamente ai genitori di andare un’ultima volta al parco tutti insieme; una volta lì attira l’attenzione di un soldato tedesco e gli suggerisce di controllare i documenti della madre, e in questo modo ne provoca l’arresto .
Nell’agghiacciante finale, Klara, pochi minuti dopo l’arresto della madre, chiede tranquillamente al padre ” Ora potremmo stare insieme solo noi due e io potrò uscire a giocare, vero?”
Tuttavia,  le linee narrative non sono sufficientemente sviluppate: rimane il dubbio se Klara sia realmente consapevole di tutto il peso delle sue azioni, o se sia semplicemente una tragedia derivata dalla confusione infantile mischiata a elementi di complesso di Elettra.
Estremamente curato nelle immagini, “The Shadow Forest ” ha poi vinto il premio del Festival come “Miglior Cortometraggio”: senza fare alcun ricorso alle parole, ma attraverso il rapido succedersi delle azioni, racconta la vicenda di un cacciatore polacco che, uscito nella foresta per cacciare un lupo, assiste a un altro tipo di caccia, l’inseguimento di un gruppo di ebrei da parte dei nazisti con tanto di cani.
Alla fine, in un certo qual modo, lupo e cacciatore finiranno per unirsi contro i cacciatori di uomini, salvando così un bambino del gruppo dei fuggiaschi :  la presenza del lupo intimorisce i cani dei Tedeschi,  che esitano abbastanza da consentire al bambino di fuggire e di venire raccolto dal cacciatore.

image

Una scena da ‘The Shadow Forest”

A coronare la serata è stato infine proiettato il documentario “The Green Prince”. Se riceveste il copione per un film drammatico in cui il protagonista è il figlio di uno dei maggiori capi di Hamas che diventa una spia al servizio di Israele,  e infine fugge negli Stati Uniti dove si converte al cristianesimo, lo giudichereste come minimo poco realistico.Eppure questa storia è accaduta realmente, e in ” The Green Prince ” viene raccontata a viva voce dai due protagonisti, Mossab Hassan Youssef e Gonen Ben Yitzhak.
A 17 anni, Mossab viene trovato in possesso di armi e arrestato;  per il servizio segreto israeliano avere nelle propri prigioni il figlio maggiore di Sheikh Hassan Youssef è una fortuna insperata,  e immediatamente gli  viene offerto di collaborare fornendo informazioni sulle attività del gruppo.
Per Mossab questo equivale al peggiore dei tradimenti, dato che sua padre ha dedicato tutta la sua vita all’organizzazione. Ciò che vede in prigione, però,  è il trattamento riservato dai detenuti appartenenti ad Hamas a coloro che sono anche solo lontanamente sospettati di collaborare  con Israele lo porta alla conclusione che forse è proprio l’organizzazione a tradire gli ideali di suo padre e i suoi sacrifici.
Decise di collaborare, e Gonen Ben Yitzhak diventa il suo supervisore e responsabile. Per oltre dieci anni Mossab collabora con Israele mantenendo allo stesso tempo il ruolo di braccio destro di suo padre,  contribuendo in questo modo non solo a limitare gli attacchi, ma anche a proteggere suo padre quando diventa costui si espone troppo.
Ma più di dieci anni di doppia vita finiscono per incidere un segno profondo sulla psiche di Mossab, che alla fine riesce a guadagnare un periodo di “riposo” che dovrebbe ufficialmente svolgersi in Europa, ma che lo porta invece sul suolo americano,  dove si converte al cristianesimo e infine pubblica un libro sulla sua esperienza. Ma anche se ha collaborato con Israele,  il fatto di essere figlio di uno dei capi di Hamas segna inevitabilmente il suo processo di integrazione della società americana:  la sua richiesta di asilo politico viene rigettata, esponendolo al rischio di un rimpatrio forzato che gli costerebbe la vita.
È a questo punto che Gonen interviene in difesa di quello che per lui da tempo non è più solo un collaboratore, ma un amico, e si presenta alla richiesta d’appello per l’asilo politico per testimoniare quanto sia stata importante l’attività di Mossab nella prevenzione degli attacchi e nel limitare il numero delle vittime di entrambi i lati del conflitto.

image

Da sinistra : il regista Nadav Schirman,  Gonen Ben Yitzhak e Mossab Hassan Youssef alla premiere di “The Green Prince” al Sundance Film Festival

Se avete voglia di gare una doppietta,  vi consiglierei di guardare “The Green Prince ” insieme a “From Above and Beyond”: insieme possono costituire un corso accelerato della storia del conflitto israeliano palestinese, e non forniscono risposte preconfezionate, ma nuovi strumenti per meglio costruire la nostra comprensione della situazione in Medio Oriente.

Annunci

Terzo giorno: una maratona emozionale

Nel pomeriggio di ieri il programma ha mantenuto dei ritmi un po ‘ meno frenetici dei giorni precedenti, permettendo di vedere tutti i film previsti,  in una maratona che è durata dalle 17 alle 22 30.
I tre documentari presentati raccontavano tre volti diversi della storia ebraica, in un immaginario percorso cronologico che comincia in Norvegia sotto il dominio nazista, passa in  Israele nel 1948 e arriva infine nella Polonia dei nostri giorni.
Il primo film, “The Tram to Auschwitz”  narra la storia di Samuel Steinmann,  l’ultima memoria vivente dell’Olocausto sul suolo norvegese: nel 1942  vennero deportati oltre 500 ebrei, che percorsero un lungo viaggio d’orrore per arrivare fino ad Auschwitz,  dove solo 186 di loro vennero ritenuti abili al lavoro.
Samuel Steinmann era tra loro, e nel documentario compie nuovamente tutto il viaggio fino al campo di concentramento, e nel frattempo racconta la propria storia:  l’infanzia a Oslo, la storia dell’azienda di famiglia, la morte della madre, lo smembramento della famiglia in seguito alla requisizione della loro casa, e infine l’arresto nel 1942.
All’epoca la comunità ebraica norvegese ammontava a 1500,  un numero esiguo se paragonato ai numeri del territorio polacco, in cui prima della Guerra la sola Varsavia contava 350.000 cittadini ebrei;  ma a segnare il destino della piccola comunità venne segnato dall’ossessione di Hitler per la purezza del sangue nordico.
Nel dicembre del 1942 la nave ” Ds Danubio ” salpa da Oslo portando via il suo primo carico di prigionieri: il viaggio prosegue per via di terra su vagoni merci, fino a concludersi davanti al cancello di Auschwitz. 
Racconta Steinmann: ” Arrivai davanti alla scritta ” Il lavoro rende liberi “. E mi chiesi: liberi da cosa? Dalla vita forse?”
Dopo appena tre o quattro mesi, i 186 ebrei norvegesi selezionati per il lavoro erano rimasti appena in venticinque. Tra coloro che persero la vita c’era il fratello maggiore  di Steinmann, Henry: ” Era estroverso,  affascinante,  un attore talentuoso”. Purtroppo, queste doti non erano  sufficienti a garantire a Henry di soddisfare i parametri lavorativi richiesti dal sistema di Auschwitz: Samuel lo vide un ultima volta poco dopo il loro arrivo al campo, quando il fratello gli annunciò che era stato trasferito a Birchenau, e solo dopo la guerra scoprì che era morto nella camere a gas.
Al momento della disfatta nazista, Samuel e gli altri ebrei norvegesi furono tra coloro che vennero trascinati nella marcia della morte da Auschwitz a Buchenwald.
Alla fine della guerra, Samuel e i suoi compagni poterono finalmente tornare a casa: erano rimasti in cinque.
Il racconto di Steinmann si conclude sulla nave che lo riporta a casa dopo il suo pellegrinaggio; rientrando nel porto di Oslo, si ricorda del suo incontro con un suo compagno d’infanzia sulle banchine del porto nel giorno stesso del suo ritorno.
Le ultime inquadrature del film lo ritraggono circondato dalla sua famiglia, mentre viene insignito della Medaglia Reale D’oro al  Merito, una onorificenza norvegese che premia non solo attività benefiche nella cultura e nell’arte,  ma anche quelle vite che vengono ritenute esemplari.

image

Il secondo film, “Above and Beyond ” racconta invece le storie di quei piloti veterani della Seconda Guerra Mondiale che da varie parti del mondo accorsero in aiuto di Israele nel 1948, quando lo Stato era appena gli inizi della sua storia e non disponeva di una forza aerea che gli permettesse di difendersi e di rispondere agli attacchi.
Le vicende sono raccontate dai protagonisti in prima persona, coadiuvati da storici che corredano le loro memorie con dati obiettivi riguardo al contesto storico politico dell’epoca.
Il documentario è un resoconto interessante e prezioso dei primi passi di Israele,  e allo stesso tempo è estremamente godibile perché i protagonisti raccontano con grande piacere quelli che ancora oggi considerano i migliori anni della loro vita, aggiungono particolari slavi e catturano lo spettatore con la grande forza vitale che riescono a trasmettere.
Al centro della scena si trovano un gruppo di piloti di origine americana, e la cosa più interessante è che nessuno di loro, nella sua infanzia e prima giovinezza, si era sentito particolarmente legato alla propria identità ebraica, che era semmai considerata come una fonte di disagi, dato che in America gli ebrei non potevano entrare in polizia o in altri settori del servizio pubblico.
A cambiare tutto é la il loro scontro con la realtà dell’Olocausto:  lo shock  li spinge a mettersi al servizio di Israele quando, dopo la partenza degli inglesi, si trova in conflitto con l’Egitto: a spingerli a mettere a repentaglio la loro vita è sia il desiderio di aiutare la propria gente a combattere, sia la convinzione che se Israele cedeva, quelli che si erano trasferiti sarebbero andati incontro a un altro Olocausto.
Credo che “Above and Beyond” sia un film da vedere e sui cui meditare in maniera obiettiva : considerarlo come una testimonianza storica che può aiutarci a capire alcuni tasselli fondamentali della storia di Israele.

image

L’ultimo film è della regista canadese  di origini polacche Francine Zuckerman, “We Are Here”, nato dalla seguente domanda:  ” Quale è ora la vita delle comunità ebraiche in Polonia, un paese dove il 90% degli ebrei è stata sterminato?”
La regista  intervista persone appartenenti a diverse generazioni, attraversando tutte le trasformazioni subite da una questione estremamente spinosa, dove si mischiano il rapporto con la memoria della strage,  la relazione tra identità ebraica e identità polacca, le vicende biografiche dei singoli individui e l’atteggiamento degli stessi Polacchi nei confronti sia del ricordo dell’Olocausto sia delle attività svolte dalla comunità attuale.
Le interviste offrono moltissimi spunti di riflessione: i primi ad essere intervistati sono alcuni sopravissuti, il cui rapporto con la memoria di ciò che è accaduto e delle persone care perse é, ovviamente, molto soggettivo: Agata Boldok ha perso tutta la sua famiglia ad appena 8 anni, e ha sviluppato un vero e proprio antagonismo nei confronti dell’identità ebraica: ” Io non avrei voluto essere ebrea. A nessun costo. Mi ha portato solo disgrazie” mentre Henryk,  che a 97 anni è uno degli ultimi ebrei rimasti nella cittadina di Gorza Kalwara,  si prende cura appassionatamente del cimitero ebraico della cittadina, che ha ricostruito a sue spese. Nonostante il suo atteggiamento apparentemente positivo, la sua tristezza per la perdita del mondo ebraico polacco è grande e traspare nelle parole che ripete spesso ” Sono l’ultimo ebreo a Gorza Kalwara.  Quando morirò,  sarà la fine della storia ebraica nella città.  Ma questo è il destino”.
Le generazioni immediatamente successive, i figli dei sopravissuti, si sono invece dovuti scontrare con i tentativi dei loro genitori di rimuovere tutto ciò che era ebraico dalle loro vite per riappropriarsi della propria identità. Si arriva infine all’ultima generazione,  quella dei ventenni, dove il raggio di speranza è rappresentato da Ania, una ragazza che ha appreso da pochi anni di essere ebrea e si è totalmente immersa nella sua identità,  pur scontrandosi con le resistenze di parte della famiglia.
Ai racconti degli intervistati si aggiungono le dichiarazioni di  cittadini Polacchi intervistati per strada. Molti di loro non hanno mai avuto alcun tipo di contatto con la comunità attuale né sanno qualcosa della cultura ebraica. Altri si sforzano di capire,  consapevoli del fatto che non si può capire la storia della Polonia senza gli ebrei.
La situazione è ben descritta dalle parole di Ania” I Polacchi pensano che non ci siano più ebrei in Polonia. Raccontano una storia di come sia rimasto solo un vecchio,  vecchio ebreo da qualche parte. Ma non è vero!  Noi ci siamo ancora! Noi siamo qui”.

image

Il secondo giorno: Fritz Bauer e Jan Karski, combattenti solitari per la giustizia

Sfortunatamente, chi nutre il desiderio di vedere tutti i film in programma al Festival   è destinato a rimanere frustrato, a meno che non sia in possesso del dono dell’ubiquità: i 45 film sono sparpagliati tra diversi cinema, compreso l’auditorium del Polin.
È dunque necessario scegliere attentamente, giorno per giorno, la serie di film da vedere, ancore compiendo a malincuore delle rinuncie.
Ieri pomeriggio ho seguito il programma ospitato dal Polin, che prevedeva la proiezione di tre film, legati dal filo conduttore della ricerca di giustizia.
Il primo era il documentario di Peter Hartl e Andrzej Klamt “Murderers among us:  Fritz ‘ s Bauer Lonely Struggente For Justice”.

image

Fritz Bauer

Attraverso le testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto e spezzoni di film ai d’epoca, viene ricostruita la storia di Bauer, che, giudice nella Germania post – bellica, dedicò tutte le sue energie al tentativo di assicurare alla giustizia quanti più criminali nazisti possibili. Nella sua lotta si scontrò con il muro di vetro di una società che vuole a tutti icosti dimenticare il passato, anche a costo di lasciare impuniti dei carnefici.
Il ruolo di Bauer fu fondamentale nella cattura di Adolf Eichmann: ricevuta una soffiata sulla località dove si nascondeva il nazista, decise di trasmettere l’informazione direttamente al governo Israeliano, dato che non si fidava assolutamente del sistema giudiziario tedesco.
Avrebbe senza dubbio preferito che Eichmann fosse processato in Germania, ma il rischio che il processo finisse con l’imposizione di una condanna minima era troppo grande.
Grazie al suo lavoro instancabile,  Bauer riuscì a organizzare  nel 1962 il processo di Francoforte, dove vennero processati circa 22 accusati che avevano rivestito ad Auschwitz la carica di ufficiali, e che erano quindi pienamente consapevoli di ciò che accadeva nel campo.
Per l’occasione molti sopravissuti all’Olocausto tornarono in Germania per la prima volta, per rivedere faccia a faccia i propri carnefici e testimoniare contro di loro.
Per tutta la durata del processo gli accusati negano pervicacemente di essere a conoscenza di ciò che accadeva nelle camere a gas: nel frattempo, i media tedeschi insistevano a ritrarli come dei mostri,  degli individui anormali, al puro e semplice scopo di scagionare la coscienza collettiva tedesca dalle responsabilità nello sterminio degli Ebrei. 
Lo stesso Bauer finì per considerare il processo un fallimento, data l’esiguità della maggior parte delle pene inflitte.  Le sue maggiori speranze risiedevano nelle giovani generazioni, che di fatto avevano un atteggiamento opposto a quello dei loro genitori: laddove la generazione che aveva passato la guerra si sforzava di dimenticare, quelle successive erano piene di domande e pretendevano di ricevere delle risposte soddisfacenti riguardo l’Olocausto e quanto era accaduto durante la guerra.
In questo spirito d’insubordinazione Bauer vedeva la chiave che poteva spezzare il meccanismo di ubbidienza e subordinazione burocratica che aveva “impedito” a tante persone di opporsi agli ordini e alle direttive che ricevevano durante il Terzo Reich.

Gli altri due film erano dedicati invece a Jan Karski, il membro delle organizzazioni clandestine polacche che divenne il testimone degli orrori che avvenivano nel ghetto di Varsavia.

image

Jan Karski

Il primo film “Messenger from Hell”  è un corto di animazione  che unisce parti realizzate da fumettisti che hanno lavorato per testate Marvel come X – Men e Batman a frammenti di filmati d’epoca: si racconta delle missioni svolte da Karski per le organizzazioni partigiane e della sua cattura per mano della Gestapo, del suo infiltrarsi nel ghetto e del suo viaggio in Occidente allo scopo di informare i leader Alleati del massacro che si stava compiendo sulle popolazioni ebraiche.
I suoi coraggiosi tentativi, tuttavia, rimasero infruttuosi. 
Il secondo film, “Messenger from Poland” raccoglie invece le parti inedite del film omonimo del 1985, dove Karski in prima persona racconta le proprie vicende.
Non solo quella di Bauer, ma anche quella di Karski è stata una battaglia per cercare giustizia: e anche se non hanno avuto pieno successo, rimane la memoria dei loro sforzi e del loro esempio.